martedì 31 marzo 2015

"Siate semplicemente consapevoli" (Jiddu Krishnamurti)

 

Bombay, 28 febbraio 1965 

Vi prego di prestare ascolto a ciò che sto per dire. Fatelo mentre parlo. Non pensate a farlo, ma fatelo ora. Ecco, siate consapevoli degli alberi, delle palme, del cielo; ecco il corvo che gracchia; guardate la luce sulle foglie, il colore di quel sari, di quel volto, e poi tornate a voi, interiormente. Potete osservare, potete essere consapevoli incondizionatamente delle cose all’esterno, è molto facile. Ma portare l’attenzione a noi stessi ed essere ugualmente consapevoli, senza condannarci, né giustificarci, senza paragonarci a qualcun altro, è molto più difficile. Siate semplicemente consapevoli di ciò che accade dentro di voi, le vostre convinzioni, le paure, i dogmi, le speranze, le frustrazioni, le ambizioni e tutto il resto. Allora lo svelarsi del mondo conscio e inconscio comincia. Non dovete fare nulla.

Siate semplicemente consapevoli; questo è tutto ciò che dovete fare, senza giudizi, senza forzature, senza cercare di cambiare ciò di cui diventate consapevoli. Allora noterete che è come quando sale la marea, non potete impedire a una marea di arrivare; potete costruire un muro, potete fare quello che volete, ma la marea giungerà con la sua energia dirompente. Allo stesso modo, se siete consapevoli in modo incondizionato, l’intero campo della coscienza comincia a schiudersi. E mentre si schiude, dovete seguirlo, e ciò diventa incredibilmente difficile: seguire nel senso di stare con il movimento di ogni pensiero che sorge, di ogni sensazione, di ogni desiderio segreto. Diventa molto difficile nel momento in cui vi opponete, nel momento in cui dite: “Questo è spiacevole”, “questo è bene”, “questo è male”, “tratterrò questo”, “rifiuterò quest’altro”.

La vita come sogno collettivo


Da un punto di vista sciamanico, l’universo materiale in cui viviamo è un sogno collettivo e la vostra storia personale è un sogno individuale localizzato. Lo Spirito non ha attaccamento per questi sogni. Potremmo dire che lo Spirito crea i sognatori e partecipa ai loro sogni.

I sognatori sono tutti gli elementi e i costituenti del piano fisico. Ogni elemento costitutivo ha il potere di sognare a livelli diversi di sofisticatezza. Il sogno di una pietra non è elaborato come il sogno di una farfalla e il sogno di una farfalla è superato per complessità dal sogno di un cane. I sognatori più sofisticati sono gli esseri umani e i cetacei (delfini e balene). Siamo in grado di fare sogni incredibili; purtroppo, a causa di una commistione di amnesia, creatività, libero arbitrio ed egoismo, a volte i nostri sogni si trasformano in incubi.

È come se, nell’atto della creazione, lo Spirito avesse deciso per una politica di non ingerenza. Ha creato i sognatori e ha deciso di rispettare qualunque loro sogno, sapendo ovviamente che alla fine tutti i sognatori si sarebbero risvegliati e avrebbero riconosciuto il fondamento comune dell’universo: l’amore.

Dormire di schiena, sul fianco a pancia sotto. Posizioni giuste e quelle sbagliate

Dormire sul fianco
Le posizioni in cui si dorme sono sostanzialmente tre: supino (di schiena), bocconi (a pancia sotto), e di lato, a prescindere poi dal lato scelto.

Dormire di schiena, sul fianco a pancia sotto, quale la posizione migliore per riposare bene? Molto dipende anche dalle abitudini di ciascuno e anche dalla presenza di alcune patologie o disturbi. Per esempio, chi soffre di problemi gastrici, dovrebbe dormire sul lato e per la precisione su quello dello svuotamento dello stomaco, in modo da facilitare la digestione e da ridurre sensibilmente acidità e altri fastidi. Come detto è anche un problema di abitudini, perché vi sono soggetti che, abituati a dormire per esempio bocconi, ovvero a pancia sotto, non riescono a riposare bene e nemmeno a prendere sonno se sono costretti a stare in una posizione diversa da quella abituale.

Fatto è che i disturbi del sonno sono in aumento e sembra interessino il 10% della popolazione. Così come sono in aumento i disturbi respiratori che vedono il 4% della popolazione afflitti da russamento e apnee del sonno, problema quest’ultimo che, se severo, in alcuni rari casi potrebbe avere anche conseguenze drammatiche. Russare poi non è certo un regalo che si fa a chi è costretto a condividere la camera da letto.

Il buon profumo di brioche

caffe e brioche

Quando si passa vicino alla caffetteria, c’è quel “buon profumo di brioches” che ci avvolge come una nuvola e penetra nelle narici facendoci desiderare di mangiarne subito una, anzi due!

Molti avranno sperimentato questo, non sono l’unico vero? Magari passando vicino a un bar con amici lo avrai anche detto sospirando! Anni fa Io dicevo esclamando quando ero in giro con poca voglia di lavorare in compagnia di un collega per invogliarlo a fare una pausa extra.

Qualcuno penserà: “Sono assuefatto/a ai dolci, non riesco a farne a meno, se non a fatica”.

Una mattina ho deciso di farmi un giro in un bar che fa un sacco di cappuccini e brioche a detta di tutti buonissime e di percepire la ragione di tale richiamo.

Il Centro del Mondo nelle dottrine dell’estremo-oriente


Nel corso dei nostri studi precedenti, abbiamo già avuto l’occasione di alludere, a proposito dei simboli del Centro, alle tradizionali dottrine dell’estremo-oriente, e più specialmente al Taoismo, che ne è la parte propriamente metafisica, il Confucianesimo, molto più comunemente conosciuto, concerne unicamente le applicazioni d’ordine sociale [1].

Questa divisione della dottrina in due rami nettamente separati, l’uno interiore, riservato a un’élite abbastanza ristretta, e l’altro esteriore, comune a tutti senza distinzione, è uno dei tratti caratteristici della civiltà cinese, almeno a partire dal VI secolo prima dell’era cristiana, epoca in cui, da un riadattamento della tradizione anteriore a nuove condizioni, nacquero al tempo stesso queste due forme dottrinali che sono solitamente designate con i nomi di Taoismo e Confucianesimo.

Realtà Virtuale: l'Alba dell'Autismo Tecnologico (2015)

 
Oggi appare sempre più evidente che la diffusione della cultura della modificazione psichica con cui si è indotto ogni consumatore del mondo globalizzato (senza distinzione di età, sesso, livello culturale e ceto sociale) ad assumere con regolarità sostanze psicoattive - prescritte medicalmente, servite nei bar o spacciate agli angoli delle strade - abbia assolto esigenze politiche.

In estrema sintesi, sedativi, antidepressivi e allucinogeni sono serviti da inibitori del senso di costrizione e vuoto esistenziale vissuto dai soggetti più insofferenti alla cattività sistemica; invece gli eccitanti (tra cui il diffusissimo caffè) hanno spremuto al massimo l'efficienza produttiva dei lavoratori prigionieri del dogma economico 'della crescita', il quale dopo aver dato alla luce in tempi da record l'Era Digitale, sta per giungere al capolinea.

Questo profondo e annunciato cambio di paradigma economico sta già mostrando i propri effetti, con intere categorie di lavoratori rese obsolete dall'avvento prima della robotica e ora del digitale, e si appresta a fare nuove vittime eccellenti tra categorie professionali ritenute intoccabili ed insostituibili solo fino a pochi anni fa. I servi non servono più, come fa notare amaramente Silvano Agosti in questo video.
 

Abolire l’Ue, fabbrica di odio, prima che distrugga l’Europa

A chi cedono sovranità gli Stati nazionali? E poi: sono davvero gli Stati nazionali a cedere sovranità? «Come ha detto recentemente Prodi in un articolo pubblicato da “Il Messaggero”, l’Ue è una commissione intergovernativa la cui unica funzione è l’imposizione di un modello ordo-liberista in cui la potenza politica dello Stato viene messa al servizio di una (meticolosissima) regolazione, finalizzata alla riduzione delle risorse destinate alla società, e all’asservimento e precarizzazione integrale del lavoro», sostiene Franco “Bifo” Berardi.

«Il ricatto ha costretto il governo greco a recedere parzialmente, ma il pericolo è che il nazionalismo diventi la sola via di uscita per sfuggire a una Unione che appare sempre più una prigione per il semplice fatto che essa è davvero una prigione». L’espressione “dall’euro non si esce”, che un tempo sembrava una rassicurazione nei confronti di chi aveva un debito consistente, oggi suona al contrario: «Potete anche morire di infarto, non smetteremo di affondarvi le unghie nella carne». Sicché, «parlare di cessione di sovranità a questo punto diviene una truffa».

Non è più “Arabia Felix”, anche l’ Iran irrompe nello scontro sullo Yemen

© AP Photo/ SPA

Nel film “The Truman show” il protagonista, chiuso nella sua fittizia realtà, pensa alle isole Figi come al luogo dove vorrebbe trovarsi. Molti di noi immaginano queste isole tropicali, sperdute nell’oceano come un paradiso terrestre in cui rifugiarsi.

Eppure, anche nei paradisi succedono cose inspiegabili di cui stupirsi: alle Figi in meno di cinquant'anni ci sono stati almeno tre colpi di stato, di cui l'ultimo nel 2006.

Lo stesso stupore ci colpisce se pensiamo a quanto sta succedendo in Yemen, regione nota nella storia come "Arabia Felix" perché verdeggiante, fertile e ricca in tutti i sensi. Oggi è invece poverissima e le sue tribù, una volta suddite della famosa Regina di Saba, sono perennemente in lotto l'una contro l'altra.

La sua decadenza cominciò proprio a causa di una guerra interna tra seguaci di due diverse religioni, i cristiani e gli ebrei. Fu da allora che la cura del territorio fu abbandonata e la terra un tempo generosa divenne semidesertica e arida.

Anche ai nostri giorni sta ancora colpendo il Paese quella che appare come una nuova guerra religiosa, questa volta tutta interna al mondo islamico. In realtà, come sempre, la rivendicazione religiosa è una semplice copertura, un alibi, per uno scontro che nasce da più lontano e con ben altre motivazioni: la lotta per l'egemonia nell'area tra Iran e Arabia Saudita.

La nuova strategia di Putin nel Mediterraneo

WireAP_22239a7bc3094190bd426dca41294cb2 

Mentre l’attenzione era concentrata nelle ultime settimane sul ruolo della Russia e del Presidente Vladimir Putin nel mediare un nuovo cessate il fuoco in Ucraina orientale, il presidente russo ha compiuto due cruciali missioni di Stato a Cipro ed Egitto, che condividono la frontiera sul Mar Mediterraneo orientale, mare strategico la cui importanza crescente nel confronto tra NATO e Russia non va sottovalutata. 

Per più di 2000 anni il Mar Mediterraneo è stato uno dei mari più strategici del mondo, collegando petrolio e gas del Medio Oriente a i mercati dell’Unione europea; collegando Oceano Indiano, Cina, India, Corea del Sud e resto dell’Asia ai mercati europei e all’Oceano Atlantico attraverso il Canale di Suez, e collegando la base navale russa in Crimea della Flotta del Mar Nero agli oceani Atlantico ed Indiano. In breve collega Europa, Eurasia ed Africa. Con ciò in mente, diamo un’occhiata agli ultimi viaggi di Putin.

Lungo la "direzione".

Voladores.
"A cosa sei... appeso/a?".
(Ri)trovare è... “tornare sui propri passi, ma… non è tornare in(dietro). È il “recupero di qualcosa che a) è (s)perduto b) è dimenticato c) è catturato (ciò che lasci, viene ricom-preso)”
Nel panorama Globale, di ogni tempo - narrato per mezzo della “storia” deviata – manca sempre un “tassello”; la chiave per l’interpretazione più estesa possibile, relativa(mente) alla situazione umana d’insieme (individuo per individuo):
la (com)presenza centrale della ri(forma)zione del Nucleo Primo.
Ciò, rende tutto il (con)seguente (il “tutto quello che puoi pensare” ed il reale riemerso), come qualcosa che “cala” da un piano inclinato:
di(pendente) da…
Ora, se tutto ciò che puoi prendere ad hoc per “studiare/(ri)ferirti”, è una derivazione (drogaggio), una mancanza della presa in esame (decentramento) di una simile (com)presenza centrale, (domanda)… “che cosa pensi di sapere”?
Nulla si ripete uguale, ma delle “essenze” ritornano in forme nuove...
Link
Questa citazione è vera, ma… come al solito, la verità non è uno stato unico, sino a quando l’individuo che la emana/evoca, non è in uno stato unico (terzo stato).

lunedì 30 marzo 2015

Imparare su noi stessi - Semplicità e umiltà - Condizionamento (Jiddu Krishnamurti)

 
Se pensate che sia importante conoscere voi stessi solamente perché io o qualcun altro vi ha detto che è importante, allora temo che qualsiasi comunicazione tra noi termini qui. Ma se siamo d'accordo che è di importanza vitale che noi ci si comprenda completamente allora voi ed io abbiamo un rapporto completamente diverso, allora possiamo portare avanti insieme un piacevole, attento e intelligente studio.
 
Non richiedo la vostra fede; non pretendo di essere una autorità. Non ho niente da insegnarvi nessuna nuova filosofia, nessun nuovo sistema, non vi è alcuna nuova strada che conduca alla realtà più che alla verità. Qualsiasi forma di autorità, specialmente nel campo del pensiero e della comprensione, è la cosa più distruttiva, più funesta. I capi distruggono i seguaci e i seguaci distruggono i capi. Dovete essere il vostro stesso maestro e il vostro stesso discepolo.
 
Dovete mettere in dubbio tutto ciò che l'uomo ha accettato come prezioso, necessario.
 
Se non seguite qualcuno vi sentite molto soli. Siate soli allora. Perché temete di star soli?

Corpo, anima e spirito. Viaggi astrali


L'uomo è un trio di Corpo, Anima e Spirito. L'anima è il mediatore tra lo spirito e il corpo. Un'anima si possiede, uno Spirito si è. L'Intimo è l'Eccelso dentro di noi. L'Intimo è lo spirito. Il testamento della saggezza dice: "Prima che la falsa aurora apparisse sulla terra, quelli che sopravvissero all'uragano e al temporale lodarono l'Intimo, e ad essi apparvero gli araldi dell'aurora". Tra l'uomo terreno e l'Intimo si trova l'anima. L'anima ha un corpo ultrasensibile e materiale con il quale viaggia attraverso lo spazio. Il corpo dell'anima è il corpo astrale. Perciò il corpo astrale ha qualcosa di umano e qualcosa di divino.

Il corpo astrale ha la sua ultra fisiologia e la sua ultra-patologia intimamente relazionate con il sistema nervoso gran simpatico e con le nostre ghiandole di secrezione interna. Il corpo astrale è dotato di meravigliosi sensi con i quali possiamo investigare i grandi misteri della vita e della morte.

L'Arte della Meditazione nella vita quotidiana

Otteniamo molti benefici mettendo in pratica i principi della meditazione. A prescindere dal motivo per cui meditiamo - forse per rilassarci, per sentirci più "centrati", per raggiungere la serenità o il risveglio spirituale - è possibile applicare molti degli stessi principi di questa pratica alla nostra vita quotidiana.

Facendolo, moltiplichiamo i vantaggi derivanti dalla meditazione perché aumenta il tempo che dedichiamo ai nostri stati interiori, e manteniamo l'accelerazione che abbiamo sviluppato durante la meditazione.


Abbiamo inoltre l'opportunità di verificare ogni rivelazione ricevuta durante la meditazione. Quando, per esempio, cerchiamo di applicare queste nuove idee ad un concetto quale "l'amore divino", otteniamo di rimando delle informazioni che aggiungono nuove dimensioni alla nostra comprensione di questi concetti astratti, e ci accorgiamo di come quest'amore divino prende forma nelle nostre attività, nella nostra casa, nelle amicizie, nel lavoro, nella situazione finanziaria, nella salute fisica ed in altri campi.

I risultati che otteniamo ci aiutano anche a rimanere saldamente ancorati alle realtà nel nostro mondo umano (il "mondo reale" ha vari modi di indicarci bruscamente qualsiasi strana idea sbagliata che abbiamo magari creato nell'isolamento della nostra mente durante la meditazione).

Massacro di elefanti in Africa: avorio venduto per i proiettili

elfanti2

Ogni 15 minuti un elefante muore per l'avorio. Solo nel Parco Nazionale di Garamba, nella Repubblica democratica del Congo, ne sono stati massacrati a decine. Il Fondo internazionale per il benessere degli animali (IFAW) parla di 68 elefanti uccisi nel negli ultimi due mesi, con 30 morti in poco più di due settimane.

Come mai così tante viitime innocenti? Semplice: per l'avorio, che qui è particolarmente facile accappararsi. Basti pensare che ci sono solo 150 ranger a pattugliare oltre 12949.94 km² del parco. Di conseguenza, i suoi 1.700 elefanti sono diventati un facile bersaglio per bracconieri e militanti armati, alcuni dei quali stanno entrando dai paesi vicini. Vengono dall'Uganda, dal Sudan e dal Congo. 

Il bracconaggio e la vendita dell'avorio illegale servono loro per comprare cibo, armi e munizioni. In alcuni casi, uomini armati con fucili hanno attaccato gli animali dagli elicotteri, mentre uomini a terra muniti di motoseghe ne rimuovevano le zanne. Il prezzo del mercato nero dell'avorio in Asia, dove la maggior parte del prodotto arriva, è tra 1.000 e 1.300 dollari per libbra. 

UN POPOLO DI PECORE


Il controllo poliziesco che il branco umano esercita al suo interno va ben al di là dei soldati in divisa o degli amministratori di governo. Comincia da genitori condizionati che impongono ai figli il proprio condizionamento e li spingono a seguire le loro norme religiose, politiche, economiche e culturali. 
 
Non c’è esempio più estremo di quelle persone che continuano a costringere i propri figli ad accettare matrimoni combinati sulla base delle norme della loro assurda religione; o i figli dei Testimoni di Geova a cui vengono negate trasfusioni di sangue che potrebbero salvar loro la vita, perché i loro ottusi genitori continuano a uniformare ogni aspetto della loro vita alle norme contraddittorie di un libro che presenta storie di pura fantasia. 
 
La creazione della prigione mentale ed emotiva, che bracca il 99% dell’umanità, procede minuto per minuto in modi sempre più subdoli. Ci sono figli di genitori cristiani, ebrei, musulmani o induisti che non accettano la religione, ma continuano a seguirla per non dare un dispiacere alle proprie famiglie. 
 
Poi c’è la paura quasi universale di ciò che la gente potrebbe pensare di noi se proponessimo una diversa concezione della realtà o vivessimo in maniera diversa. Notate che la paura che nutrono coloro che vorrebbero uscire dal recinto di pecore non è la paura di ciò che gli illuminati penseranno di loro. La maggior parte della gente non sospetta minimamente dell’esistenza di questa rete. No, essi hanno paura di ciò che penseranno le loro madri e i loro padri o i loro amici, o i loro colleghi di lavoro – quelle stesse persone che sono condizionate dallo stesso sistema a rimanere dentro al recinto

La Camera dei Rappresentanti Americana chiede un Regime Change a Mosca!

putin tass
Il Congresso USA sta dando a Kiev il via libera per iniziare una guerra contro la Russia, con la garanzia implicita dell'appoggio USA. Questo potrebbe realmente far scattare la Terza Guerra Mondiale
A parte la solita bramosia del Congresso (USA) per la guerra, per assicurarsi i loro miliardi  nelle donazioni per  il complesso dell'industria bellica, la parte chiave del progetto di legge della Camera, che richiede l'aiuto alla Ucraina con armi letali, non ha nulla a che fare con l'Ucraina stessa. 

La risoluzione va alla radice di cosa realmente vuole la elite americana : lo smantellamento e di conseguenza il saccheggio delle risorse della Federazione Russa.
Preso dalla Risoluzione della Camera  USA:
Laddove gli Stati Uniti  ed i suoi alleati necessitino di una strategia a lungo termine per esporre e sfidare la corruzione di Vladimir Putin e la repressione interna  e all'estero
Facciamolo depositare per un attimo: il  Congresso degli Stati Uniti ha messo per iscritto il suo obbiettivo per formulare una "strategia a lungo termine" per sfidare il Presidente della Russia, democraticamente eletto, Vladimir Putin.

Che direbbero gli USA se la Duma Russa o l'Assemblea Nazionale della Cina votassero una risoluzione che affermasse il bisogno di implementare...
Una strategia a lungo termine per esporre e sfidare la corruzione del Presidente Barack Obama (trilioni di dollari delle lobby per esercitare influenza politica) e la repressione interna (la violenza della polizia, lo spionaggio della NSA) e la sua aggressione all'estero (Iraq, Afghanistan, Libia, Yemen, Venezuela, Siria, Ucraine)."

Di chi è la colpa


La riflessione di un amico che voglio condividere con tutti voi.


E’ colpa dei politici che rubano pensando solo ai loro interessi. E’ colpa delle banche usuraie. E’ colpa delle multinazionali che sfruttano i paesi poveri. E’ colpa di chi non si pone il problema di inquinare perchè il guadagno immediato da più potere. Colpa delle religioni che alimentano l’ignoranza della gente, alimentano il razzismo e la paura per ciò che è diverso. Colpa della mafia che devasta i territori e le vite degli innocenti perchè il senso dello stato e della legalità si è perso, se mai c’è “stato”. E’ colpa dei poteri occulti, innegabili, che ingolfano la ricerca della verità in tutto il mondo. Colpa di chi fa finta di non sapere cosa vuol dire informare, cambiando il significato delle parole, chiamando una cosa col nome di un’altra. Colpa di chi lucra sulle guerre fregandosene del vero prezzo, colpa degli immigrati, colpa dei comunisti.

Noi no, non abbiamo colpe, non siamo politici, non siamo ricchi, non siamo potenti, non siamo influenti, altrimenti….

ALTRIMENTI COSA?

IMPARIAMO AD INFORMARCI IN TEMPI MODERNI


Che altro deve succedere perché’ la mia generazione scenda in piazza e faccia una rivoluzione? E pure basta guardare la tassazione, la disoccupazione (ed in particolare quella giovanile), il precariato, il deficit democratico delle istituzioni europee, la violenta politica imperialista dei paesi NATO (Yugoslavia, Afghanistan, Iraq, Libia, Siria, e Ucraina sono le medaglie insanguinate che portiamo al petto) per rendersi conto che la società sta regredendo e l’Europa ha preso una svolta di tipo autoritario sia pure nascosta dagli specchi di istituzioni internazionali para massoniche al servizio di forze reazionarie; la gente non lo capisce o se ne frega?

Spesso sento dire che in Italia non faremo mai una rivoluzione perché siamo un paese di vecchi o perché il 70% degli italiani ha una casa di proprietà o anche perché ci basta guardare il calcio in televisione mangiare un piatto di pasta e fumarci una sigaretta con il caffè. La verità che è che il malcontento può portare la gente in piazza ma questo non basta a fare una rivoluzione, per quello ci vuole un’organizzazione pronta a succedere all’amministrazione uscente e tanti soldi, come ci ha mostrato il Dipartimento di Stato Americano, fabbrica di tutte le ultime rivoluzioni in giro per il mondo (il Venezuela o l’Ucraina sono esempi perfetti).

Il test del laser USA che distrusse Germanwings, getta nel buio l’Olanda

Minuteman III launches from Vandenberg 

Un nuovo rapporto del Ministero della Difesa (MoD) circolante al Cremlino, oggi, sostiene che dopo il fallito test del 24 marzo dell’US Air Force con il suo High Energy Liquid Laser Area Defense System (HELLADS) nel tentativo di abbattere una finta testata nucleare della Federazione russa, portando all’abbattimento del Volo 9525 della Germanwings, uccidendone i 150 passeggeri, un altro è stato ripetuto il 27 marzo, questa volta causando il catastrofico black-out nell’Olanda del Nord, compresa Amsterdam. 

Secondo il rapporto, il nuovo test di HELLADS, che ha oscurato l’Olanda del Nord, è stato il terzo effettuato dalla NATO in 24 mesi, gli altri due ebbero per conseguenza (1) il quasi incidente del Volo LH1172 della Lufthansa sulla Francia, nel maggio 2013, e (2) la distruzione del Volo 9525 della Germanwings, il 24 marzo, ancora sulla Francia. 

Nel maggio 2013, poco prima dell’incidente del Volo LH1172 della Lufthansa, continua il rapporto, il test di HELLADS dalla NATO, in vista del lancio di un ICBM dalla Vandenberg Air Force Base in California il 22 maggio 2013, sarebbe stato secondo il Ministero della Difesa la causa di un quasi incidente, quando un aereo perse improvvisamente quota. Come nel caso, il rapporto afferma, del lancio dell’ICBM del 23 marzo per il successivo test di HELLADS che distrusse il Volo 9525 della Germanwings, il lancio dell’ICBM del 27 marzo fu seguito dalla paralisi dell’Olanda settentrionale. 

Che cosa ripeti semp®e?

La "forma pluridimensionale (fisica)" (ri)emerge dal circuito (in)tessuto.
Yemen... Obama sostiene aggressione saudita.
E il vincitore del premio Nobel di pace ora difende l'ex presidente yemenita Abd Rabbuh Mansur Hadi, che in realtà aveva instaurato in Yemen dal 2011 un regime non proprio rispettoso della popolazione e dei suoi diritti.
Un dittatore che differentemente da Gheddafi e Saddam Hussein non godeva nemmeno dell'appoggio della popolazione. In Yemen infatti si è formato un fronte di ribelli non solo sciiti, come i media occidentali vogliono farci credere, ma formato anche da tribù sunnite stufe di vivere in un regime così liberticida.
I ribelli, più deboli militarmente, sono riusciti a conquistare la capitale Sanaa e a detronizzare l'ormai ex capo di Stato (ma tuttora inspiegabilmente riconosciuto dalla cosiddetta comunità internazionale), grazie all'appoggio della popolazione.
L'Arabia saudita, stato wahabita nemico degli sciiti, è intervenuta militarmente bombardando le posizioni del movimento Ansar Allah (il fronte dei ribelli yemeniti) nella capitale del paese.
Obama, sempre ispirato dal suo premio Nobel per la Pace, ha deciso di appoggiare in toto l'operazione militare. Non un tentativo è stato fatto dagli occidentali per tentare una mediazione, un compromesso, una via per evitare lo scontro militare.
Link
Gli Usa “Usa(no)”:
  • ora hanno (con)vinto i vari attori a scendere "soli" in campo diretta(mente)
  • bypassando la necessità di im(piegare) il proprio “esercito”
  • le (com)pressioni “diplomatiche” (ri)chiedono lo sforzo diretto
  • mentre gli Usa man(tengono) la loro posizione privilegiata di osservatori (in)diretti (dietro alle quinte della Regia).
Non è più (se lo è mai stato) un problema di "risorse".

Nella pienezza del mutamento. Una conversazione (Jiddu Krishnamurti - Carlo Suarès)

Suarès: E’ possibile condensare in una breve affermazione quello che le sembra essere il problema principale che si pone dinanzi a noi in questo momento?
Krishnamurti: Direi che è assolutamente necessario e urgente provocare una radicale rivoluzione nello spirito umano, un reale mutamento dell’intera struttura psicologica dell’uomo.
Suarès: Comprendo che il suo disegno consiste nel mostrare la necessità di decondizionare lo spirito. Qualunque sia il numero di chi lo ascolta, sembra che lei parli a ciascuno individualmente al fine di trasmettergli questa nozione di necessità e di urgenza. E, secondo lei, questo decondizionamento dello spirito – o della coscienza – può e deve essere totale. Arrivo qui a un punto che pare abbastanza sconcertante: lei afferma che questa modificazione non prende nessun tempo. Evidentemente sorvoliamo sul tempo necessario alla comprensione di una esposizione, quale essa sia. Intende affermare che questo cambiamento radicale non può essere il prodotto di una volontà, né di un processo evolutivo?
Krishnamurti: Non può prodursi né per l’intervento della volontà, né per quello del tempo. Se fosse il risultato di un processo evolutivo, non lo chiamerei mutamento. Un mutamento è immediato.

Trasformazione attraverso il corpo


Perché la maggior parte delle religioni condanna o nega il corpo? Sembra che i ricercatori spirituali abbiano sempre considerato il corpo un ostacolo o perfino qualcosa di peccaminoso.

Perché così pochi fra coloro che cercano trovano? A livello del corpo, gli esseri umani sono molto vicini agli animali. Tutte le funzioni corporee fondamentali (piacere, dolore, respirazione, mangiare, bere, defecare, dormire, l'impulso ad accoppiarsi e a procreare, e naturalmente nascita e morte) le condividete con gli animali. Molto tempo dopo la loro caduta, da uno stato di grazia e di unità, nell'illusione, gli esseri umani all'improvviso si sono svegliati in quello che sembrava un corpo animale, e l'hanno trovato molto fastidioso. «Non ingannatevi. Non siete altro che animali.» Questa sembrava essere la verità che stavano guardando in faccia. Ma era una verità troppo fastidiosa da tollerare. Adamo ed Eva videro che erano nudi, ed ebbero paura.

La negazione inconsapevole della loro natura animale giunse molto rapidamente. La minaccia di esser sopraffatti da potenti impulsi istintivi e di regredire alla completa inconsapevolezza era in effetti assai reale. Vergogna e tabù comparvero nei riguardi di certe parti del corpo e di certe funzioni corporee, specialmente la sessualità. La luce della loro consapevolezza non era ancora abbastanza forte sì da fare amicizia con la loro natura animale, lasciarla essere e perfino godere quell'aspetto di loro stessi, entrarvi in profondità per trovare il divino nascosto al suo interno: la realtà dentro l'illusione. Allora fecero ciò che dovevano fare. 

Cominciarono a dissociarsi dal loro corpo. Adesso si vedevano avere un corpo, anziché esserlo.

Sulla Terra sono rimaste solo due grandi foreste: Amazzonia e Congo


La maggior parte delle foreste sono frammentate da strade, insediamenti e miniere
Un nuovo studio, “Habitat fragmentation and its lasting impact on Earth’s ecosystems”, pubblicati su Science Advances da un folto team internazionale di ricercatori, dimostra quanto l’umanità abbia adattato le foreste alla nostra occupazione del pianeta, a scapito del resto del mondo naturale. Inoltre i risultati dello studio forniscono dati a lungo termine su come gli ecosistemi e le specie reagiscono nel tempo alla perdita di habitat ed alla frammentazione. La tendenza è tipicamente negativo.

Il principale autore dello studio Nick M. Haddad, un biologo della North Carolina State University, ha detto a ThinkProgress: «In ogni esperimento c’è una perdita consistente di specie – uccelli, farfalle, piante – e questi esperimenti variano ampiamente, ma tutti puntano verso il basso. Sono scioccato per i risultati di questo studio su quanto abbiamo affettato e fatto a cubetti gli ecosistemi forestali lungo lo sviluppo umano, che comprende di tutto, dalla costruzione ferrovie al tagliare alberi per i terreni coltivati. Mi aspettavo di vedere più foreste remote e più deserte».

Poumon histamine: un valido farmaco omeopatico per le allergie


E’ un ceppo omeopatico messo a punto nel 1967 dal Dr G. Dano, ottenuto per diluizione di polmone di cavia sottoposta a reazione anafilattica conseguente ad iniezioni ripetute di ovalbumina. Contiene numerosissimi mediatori delle allergie e dell’infiammazione: istamina leucotrieni, ecc. Si tratta dei fattori che contribuiscono ad amplificare la reazione allergica dovuta ad un contatto con l’allergene. Quindi, Poumon histamine è particolarmente adatto a rispondere alla fisiopatologia della reazione allergica immediata.
 
Azione generale
Dalla sua scoperta, Poumon histamine è entrato a far parte a tutti gli effetti della Materia Medica Omeopatica e quindi nell’arsenale terapeutico del medico omeopatico. In questi 60 anni, l’esperienza clinica e la sperimentazione patogenetica hanno dimostrato che questo farmaco è indicato nella regolazione dei meccanismi della reazione allergica con tropismo preferenziale a livello delle vie respiratorie.

I segreti delle campane tibetane

campane tibetane

Secondo la Tradizione indiana il cosmo ha avuto origine dal suono che è una forma di energia molto potente. Il suono originario è l’OM, il suono sacro primario ed il primo movimento vibrazionale da dove veniamo ed al quale ritorneremo.

Perciò la musica che è in grado di risvegliare la coscienza del sé con le vibrazioni sonore primordiali è considerata sacra ed in particolare quella delle campane tibetane ci fa entrare in contatto con la parte più profonda di noi stessi favorendo uno stato di benessere e di meditazione, permettendoci di ritrovare quella sensazione di unità tra corpo e spirito che ci appartiene ma che spesso dimentichiamo.

Le campane tibetane riproducendo la vibrazione sonora originaria dell’OM ci permettono di affrontare il tema degli effetti del suono sulla mente, sul corpo e sullo spirito dato che il modo più semplice di comunicare della materia cellulare vivente è tramite le vibrazioni sonore.

Cercherò ora di illustrare i fenomeni connessi all’utilizzo delle campane tibetane dal punto di vista storico, simbolico, terapeutico e conoscitivo.

Germogli che passione!

Germogli che passione!

Se non avete ancora sentito parlare dei germogli e delle loro enormi proprietà, allora questo articolo fa al caso vostro. Se invece siete già esperti e a casa avete ogni tipo di germogliatore, immagino che qualche segreto in più vi possa fare comunque piacere!

I germogli sono quelle piccole inflorescenze nate dal seme che, trovate le temperature adeguate e le giuste condizioni di umidità, attiva il suo processo di germinazione e ci offre le sue proprietà più sorprendenti. Infatti è proprio il germoglio ad essere la parte più energetica e nutritiva della pianta: contiene vitamine, minerali, aminoacidi essenziali, antiossidanti, è ricchissimo di enzimi ed è altamente digeribile e salutare. 

L’euro sarà la vostra tomba, parola di Godley (era il 1992)


Molte persone in tutta Europa hanno improvvisamente realizzato di non sapere quasi nulla sul Trattato di Maastricht, mentre giustamente si rendono conto che questo trattato può fare una grande differenza nella loro vita. La loro legittima ansia ha portato Jacques Delors a dare l’indicazione che il punto di vista della gente comune in futuro dovrebbe essere consultato con più attenzione. Avrebbe potuto pensarci prima. Anche se sono favorevole a procedere verso un’integrazione politica in Europa, credo che il progetto di Maastricht presenti gravi carenze, e anche che il dibattito pubblico su di esso sia stato stranamente povero.

Con un rifiuto danese, con la Francia che ci è andata vicino, e con l’esistenza stessa dello Sme messa in discussione dopo i saccheggi da parte dei mercati valutari, questo è un buon momento per fare il punto. L’idea centrale del Trattato di Maastricht è che i paesi della Ce dovrebbero muoversi verso una unione economica e monetaria, con una moneta unica gestita da una banca centrale indipendente. Ma come deve essere gestito il resto della politica economica?

IL TUO DENARO, LA TUA VITA

 
Non è mai accaduto niente di simile nella Storia del Mondo. Sotto gli occhi di tutti, e a spese di tutti, i governi continuano a razziare ingenti ricchezze per arricchire i responsabili dei più efferati crimini e nefandezze economico-finanziarie.

Prima c’era la TARP.  Come pretesto per arginare le turbolenze nel mercato azionario dopo il collasso di Lehman Brothers nel settembre 2008, il presidente George W. Bush approvò solo un mese dopo il Troubled Asset Relief Program

Il piano permise al Tesoro degli Stati Uniti di assicurare $ 700 miliardi di dollari di "beni in difficoltà," un eufemismo che in realtà significa coprire le nefandezze finanziarie commesse dalle grandi banche e dai grandi  speculatori di Wall Street.

Obama infuriato per l’incidente della Germanwings, si rifiuta d’incontrare i capi della NATO

1020001056 

Un nuovo rapporto pubblicato dall’Intelligence Service russo (SVR) oggi afferma che il presidente Barack Obama s’era così infuriato per l’abbattimento sulla Francia meridionale, durante le “manovre” della NATO, del Volo 9525 Germanwings, uccidendone i 150 passeggeri a bordo, che si era scandalosamente rifiutato d’incontrare il comandante in capo dell’alleanza occidentale, il segretario generale Jens Stoltenberg, nonostante le ripetute richieste in tal senso. 

L’incidente nelle manovre NATO del Volo 9525 della Germanwings, che il Ministero della Difesa (MoD) aveva precedentemente riferito esser causato da un fallito test dell’US Air Force del suo High Energy Liquid Laser Area Defense System (HELLADS), nel tentativo di abbattere un veicolo di rientro simulante l’attacco nucleare con ICBM della Federazione russa sulla base aerea di Aviano in Italia. 

venerdì 27 marzo 2015

Energia, attenzione, consapevolezza, violenza (Jiddu Krishnamurti)

1. È l’energia stessa che controlla la propria attività

La ricerca della realtà richiede immensa energia. Quando l’essere umano non cerca la realtà, spreca la sua energia facendo dei danni e così induce la società a tenerlo sotto controllo. Ora, è possibile dedicare energia alla ricerca di Dio, della verità, ed essere nello stesso tempo delle persone che, nel portare avanti questo processo di scoperta della verità, comprendono i fatti fondamentali della vita e non possono venire distrutte dalla società?

Vedete, gli esseri umani sono energia e se non cercano la verità la loro energia diventa distruttiva; così la società li tiene sotto controllo e impone loro uno schema che soffoca l’energia di cui dispongono... Forse vi sarete accorti di un altro fatto interessante e molto semplice: quando volete veramente fare qualcosa, ecco che avete a disposizione l’energia che vi serve... 

E l’energia stessa è in grado di controllare la propria attività; non avete alcun bisogno di imporle dall’esterno una disciplina. Nella ricerca della realtà, l’energia crea il proprio ordine, la propria disciplina. L’essere umano che cerca la realtà si comporta spontaneamente in maniera corretta e questa correttezza non potrà mai essergli imposta né dalla società, né dal governo.

Siamo solo concime (per il momento…)



Nel libro La mia fanciullezza con Gurdjieff, Fritz Peters condivide con il lettore i suoi ricordi più preziosi. Uno di questi è particolarmente interessante perchè mette il dito nel nervo scoperto della nostra cultura religiosa:

[Gurdjieff] mi chiese di guardare fuori dalla finestra e di dirgli quello che vedevo. Risposi che l’unica cosa che vedevo era una quercia. E cosa c’era su quella quercia? Glielo dissi: “ghiande”.
Quante ghiande?” […] Dissi che pensavo che ce ne fossero parecchie migliaia.

Fu d’accordo, poi mi domandò quante ghiande sarebbero diventate delle querce. Risposi che pensavo che solo cinque o sei, forse meno, sarebbero diventate alberi.

Assentì, aggiungendo: “Forse solo una, forse nessuna. Si deve imparare dalla Natura. L’uomo è anche un organismo. La Natura fa molte ghiande, ma la possibilità di diventare alberi esiste solo per poche di loro. Lo stesso accade all’uomo – molti uomini nascono, ma solo pochi crescono. La gente pensa che questo sia uno spreco, che la Natura sprechi. Non è così. Il resto diventa fertilizzante, ritorna nella terra e crea possibilità per un maggior numero di uomini autentici.

La doppia natura dell’anima


Io vi parlo e voi mi ascoltate. La mia parola
mira quindi a creare un effetto, ma se cerchiamo
le parole non riusciremo a trovarle. Questo mistero
ha a che fare con la ‘doppia’ natura della verità.”
(Gyalwa Renzin Gyatso, 14° Dalai Lama)

Aurobindo dice che, al di sopra dell’universo materiale ovvero sopra il piano della Materia, c’è il piano vitale o eterico che è esistente in sé. Al di sopra del piano vitale o eterico vi è il piano mentale che è esistente in sé e per se stesso. La realtà della terra mostra tre materie ordinate in scala ascendente, infatti dal piano materiale saliamo al piano eterico o vitale e, infine arriviamo nel piano mentale. Questi piani formano il triplice mondo inferiore e si sono costituiti in questo modo, nella coscienza della terra, nel corso dell’evoluzione che la terra ha affrontato.

Questi livelli esistevano in se stessi anche prima dell’evoluzione, ma essi erano al di sopra della coscienza terrestre e superiori al livello cui la terra appartiene. Nelle filosofie orientali si dice che la mente abbraccia in modo indifferenziato tutta la coscienza. Si dice che l’uomo è un essere mentale sebbene il suo vero essere mentale non sia la stessa cosa della sua mente interna. La natura segue il suo yoga e fa il suo corso in modo infallibile e inevitabile.

Come smettere di essere interessati a quello che gli altri dicono di te

 

Ogni giorno, dal momento in cui apriamo gli occhi al mattino, viviamo le nostre vite preoccupandoci di ciò che gli altri pensano di noi.

Tendiamo a fare le cose per compiacere gli altri, invece di farle perché è ciò in cui crediamo, il problema è che facendo così le nostre azioni e la nostra vita diventerà modellata da come pensiamo che gli altri ci percepiscano. Come mi stanno questi pantaloni? Quelle persone parleranno alle mie spalle? Se faccio questo lavoro cosa diranno i miei amici e la mia famiglia?

E’ ora di smetterla! Vivere una vita che segue ciò che pensano gli altri è un modo terribile per vivere. Ti fa diventare lo spettatore senza spina dorsale che attende che siano le altre persone ad agire per prime. Ti fa diventare un seguace. Ancora peggio, ti fa diventare qualcuno che non prende una posizione su nulla.

Oggi è l’ultimo giorno in cui viviamo una vita dettata da altri. Oggi diciamo “chi se ne importa”!

L’Esperimento stravolgente che mostra il potere delle intenzioni

 
Questo esperimento mostra come le nostre parole e intenzioni abbiano un effetto sulla realtà più profondo di quello che possiamo immaginare.

E’ stato cotto del riso e messo in due diverse ciotole. Su di una c’è un’etichetta con le parole ” TI AMO, TI VOGLIO BENE” sull’altra ” TI ODIO, TI AMMAZZO” dopo 25 giorni si possono notare gli effetti devastanti che le parole negative hanno avuto sul riso. Questo lo spieghiamo nell’articolo  L’incredibile potere dell’acqua di acquisire informazioni e guarire

Respirazione diaframmatica: esercizi per imparare a respirare bene


Respirare bene scatena una reazione a catena sul nostro fisico e sulla nostra mente in grado di migliorare la nostra sicurezza e l’immagine che gli altri vedono di noi. Inoltre respirare bene ci permette di essere più lucidi nei momenti importanti della nostra vita e in un certo senso di averne un controllo maggiore evitando momenti di panico o di confusione indesiderati e di cui potremmo pentirci.

La respirazione va eseguita sempre col naso: è sbagliatissimo inspirare con la bocca in quanto l’aria entra diretta in gola, fredda e secca senza essere scaldata, umidificata e purificata come avviene nel naso. Anche l’espirazione è consigliabile eseguirla con il naso, la bocca in sostanza non serve per respirare. I casi in cui l’espirazione dalla bocca può risultare utile sono in momenti di ansia, per scaricare la tensione: un bel respiro profondo in questi casi può spezzare il circolo vizioso.

L’uomo rettile della Mesopotamia: un mistero di 7 mila anni ancora senza risposta

 Il parere degli archeologi tradizionali è pressoché unanime nello stabilire che la storia umana abbia avuto inizio in Mesopotamia, l'attuale Iraq, con la grande civiltà dei Sumeri. Tuttavia, nel sito archeologico di Al Ubaid sono state ritrovati numerosi manufatti pre-sumeri che risalgono a circa 7 mila anni fa, molti dei quali rappresentano enigmatici umanoidi con chiari lineamenti rettili.

La cultura preistorica di Ubaid è vissuta in Mesopotamia tra il 4 mila e il 5,5 mila a.C. Come per i Sumeri, anche l’origine del popolo Ubaidiano è sconosciuta.

Essi vivevano in grandi insediamenti costituiti di case di mattoni di fango, sviluppando l’architettura, l’agricoltura e l’allevamento del bestiame.

L’architettura abitativa comprendeva grandi case a forma di T, cortili aperti, strade lastricate, una sorta di anteprima della città sumere. Alcuni di questi villaggi, infatti, hanno cominciato a svilupparsi in città, i templi iniziarono a fare la loro comparsa, così come i grandi edifici monumentali come in Eridu, Ur e Uruk, i siti più importanti della civiltà sumera. Secondo quanto riportato dai testi antichi dei sumeri, Ur era considerata la prima città mai esistita sul nostro pianeta.

Il Significato delle Tradizioni in un Mondo Sradicato

'Tradizioni': termine molto ricorrente oggi anche se usato per definire realtà diverse e concetti che talvolta rischiano di essere contraddittori, antitetici, generando fraintendimenti, illusioni, speranze, disillusioni. Che cosa sono, invero? Quale ruolo hanno nella nostra vita? Che importanza rivestono? Qual'è la loro evoluzione?

Senza pretesa di riuscire a risolvere tali problemi e molti altri analoghi che crucciano la nostra era, proviamo a ragionare insieme su questo argomento.
 
Che Cos'è la Tradizione?
La tradizione è, generalmente, intesa come un’ampia schiera di vecchie credenze, pratiche ed usanze tramandate di generazione in generazione. Ogni cultura, ogni razza o gruppo di persone ha le proprie usanze e tradizioni.
 
In una conferenza sponsorizzata dalla British Broadcasting Company, Anthony Giddens, direttore della London School of Economics, ha dichiarato: “Si può trattare l’età globale di oggi come una battaglia tra modernità e tradizione”. Le sue parole ci avvertono di prendere in considerazione quanto chiamiamo ‘tradizione’ perché potrebbe trattarsi di creazioni del mondo moderno. Per esempio, alcune manifestazioni ed eventi come sagre di paese, palii e simili che possono effettivamente illuderci di rimandare e rievocare un passato più o meno remoto ma che, in realtà, non è mai esistito.

Obiettivo Teheran


L’intera penisola arabica è ora in guerra. L’Arabia saudita ha costruito in pochi giorni un’alleanza di dieci paesi arabi sunniti per fronteggiare la “rivolta” sciita nello Yemen.

E' il caos. I fronti si moltiplicano: Isis contro Siria e Irak; adesso la nuova guerra al sud,  attorno a Aden; Sunniti contro sciiti. La Turchia, a nord, con i suoi progetti di rinascita turcomanna, contro la "scia" di Teheran, ma anche contro Hezbollah in Libano e Hamas in Palestina  Contro il Califfo, ma anche, in parte, con l'Isis. Gli Usa che bombardano a casaccio. L'Mi5 britannico che paracaduta armi per l'ISIS. I curdi di Irak e Turchia contro tutti. E con chi li aiuta, senza andare troppo per il sottile. L'Egitto contro l'Isis, ma adesso con l'Arabia Saudita.

L'unica cosa che non si vede, o si vede poco, è Israele. Ma Israele non solo c'è:  è il co-protagonista dell'intero disastro- disordine.  Se si seguono le rotte dei caccia israeliani, che bombardano Bashar el-Assad e  le mosse di Netanyhau, lo si capisce fin troppo bene.


Un premier israeliano che va a Washington, senza nemmeno parlare con il presidente americano. E riceve l'ovazione del Senato (a riprova che Obama è ormai molto meno che un'anatra zoppa: è un'anatra moribonda.)

Un test degli USA avrebbe distrutto l’aereo della Germanwings

unstow

Il Ministero della Difesa russo (MoD) segnalava che dispacci della Flotta del Nord (NF) sembravano indicare che l’abbattimento del Volo 4U9525 della Germanwings, nel sud della Francia sia il “risultato diretto” di un fallito test dell’US Air Force con il suo High Energy Liquid Laser Area Defense System (HELLADS) nel tentativo di abbattere un veicolo di rientro di un ICBM, ma che invece ha distrutto l’aereo civile uccidendo i 150 passeggeri a bordo. 

Secondo il rapporto del MoD, la Flotta del Nord, già in allerta, fu avvertita dell’incidente dalla nave antisom Severomorsk, attualmente operativa nel Mediterraneo, che aveva riferito di diffuse anomalie elettriche atmosferiche rilevate sul sud della Francia, l’Italia occidentale e il sud-ovest della Svizzera. La zona di tali rilevazioni del Severomorsk, riporta la nota, è anche l’aera operativa del 510 Fighter Squadron dell’US Air Forces operante dalla base aerea di Aviano, in Italia. 

L’Unto e l'Accorto (l'uno e l'altro).

 
Il "problema è che... non esiste il problema", per cui... "non sai mai da dove cominciare, perchè non sai nemmeno... dove andare".
Non sai mai che cosa venga prima di altro.
Non sai mai che cosa fare, pensare, immaginare… Mai come fare a “lasciarti andare”, perché percepisci che è solo “(af)fidandoti a/di te stesso/a” che qualcosa cambia nella "sua" sostanza, ma… “lato tuo”.
Ignori l’esistenza della "gerarchia". Ignori l’esistenza del Nucleo Primo e di tutto quello che ne (con)segue.
Intuisci, però, molti di quegli aspetti fonda(mentali) che, uniti d’assieme, possono farti (ri)uscire da questa vestizione ad (p)Arte del tuo complesso.
L’intuizione, da sola… conta ben poco, se di (con)seguenza non rag(giungi) anche la capacità consapevole, di “guidare le operazioni diretta(mente) dal tuo terzo stato o centro sovrano d’essere”.
Non (ri)cordi. Sai quello che devi sapere, cioè, “nulla di buono per te”.
Sei (s)oggetto a “reset continui” (come... mal di testa), che fanno passare tutto in secondo piano e ti autorizzano a credere che la ciclicità sia naturale.
Ruoti attorno ad un falso segnale, ad un artificio artificiale/contabile, ad una luce non certo casual(mente) (pre)disposta…
Il tuo “problema” (che non esiste) è che sei attaccato a questa forma di esistenza (alla “tua” pelle), per cui temi di morire, temi il dolore della morte, temi di perdere tutto ciò che hai accumulato in Vita, temi di perdere l’affetto dei tuoi familiari più cari, etc.
Tu hai paura.
E la paura è la colla più potente, che ti per(mette) di vivere anche a testa in giù, se è utile per sopravvivere.

giovedì 26 marzo 2015

Conoscenza di sé e meditazione (Jiddu Krishnamurti)


L’altro giorno, quando ci siamo incontrati qui, parlavamo della necessità di una rivoluzione totale – una rivoluzione che fosse insieme interiore ed esteriore. Dicevamo che l’ordine è essen­ziale per avere la pace nel mondo; ordine non solo esteriore ma soprattutto interiore. Tale ordine non è mera routine. L’ordine è una entità vivente che non può determinarsi mediante la mera intellezione, mediante le ideologie, con svariate forme di comportamento coercitivo. 

Dicevamo anche che il pensiero, che è stato il vecchio, non può funzionare senza il modello che ha instaurato nel passato. Il pensiero è sempre il vecchio. Il pensiero non può assolutamente fare ordine, perché l’ordine, come dicevamo, è una entità vivente. Ed è il pensiero che ha arrecato disordine nel mondo.

L’abbiamo approfondito, credo, a sufficienza l’altro giorno. Dicevamo che dobbiamo considerare non che cosa è l’ordine, ma piuttosto che cosa arreca disordine. Perché nel momento in cui siamo in grado di capire che cos’è il disordine, di perce­pirlo davvero e di vedere, non solo intellettualmente ma effet­tivamente, l’intera struttura del disordine, allora, nella com­prensione totale di quel disordine, verrà l’ordine.

Le Bugie che Devi Smettere di Dire a Te Stesso


Mentire agli altri è sbagliato, mentire a te stesso è l’errore più grande. 

Le bugie peggiori sono quelle che inconsciamente raccontiamo a noi stessi. Riflettendoci bene, si tratta per lo più di menzogne che sono state inculcate nelle nostre menti da cattive influenze esterne o dai nostri stessi pensieri negativi.

Così la prossima volta che deciderai di fare ordine nella tua vita, inizia a riorganizzare il tuo spazio intellettuale provando a cancellare le continue menzogne ​​e il negativo chiacchiericcio mentale che troppo spesso reciti a te stesso.

Ecco di seguito alcune delle menzogne che tipicamente ci raccontiamo e che faresti bene a smettere di dire a te stesso:

"Mi manca ancora qualcosa per essere felice".

Scardinare la Matrix


scardinare la matrix

Si può parlare della fine del mondo, degli extra-terrestri, dei sostenitori o degli oppositori di una qualsiasi causa, dei difetti e dei vizi della nostra società, persino del governo mondiale segreto, che si dice che governi il mondo. Ma non si può parlare in alcun modo dello scardinamento del sistema stesso. E’ un tabù. Avete mai sentito parlare di una cosa del genere?

Mentre tutto sembra procedere in modo lineare, forse anche la Tua Vita e secondo le regole prestabilite e inarrestabili sancite del progresso tecnologico, il sistema, la matrice, ha iniziato a collassare su se stessa, indipendentemente dalla volontà dell’uomo. Una volta che ognuno di Noi, anche individualmente, alza il velo di questa apparente normalità, il processo appare come realmente è: del tutto fuori controllo.

Scardinare il Sistema Tecnogeno è ciò che ci restituirà la nostra Essenza: attualmente quasi tutti Noi siamo come anestetizzati a nostra insaputa, sopravviviamo, dormendo un sonno profondo della coscienza che nemmeno sospettiamo. Come visto in Matrix, il Film, siamo batterie che alimentano un mostro chiamato appunto matrix; inconsapevoli viti d’ingranaggio di un sistema autoregolato e distruttivo che continuiamo ad alimentare. Siamo pendoli che oscillano come imposto dalla matrix; ingranaggi senza volontà e se non fermiamo tutto questo, continueremo a riempire le file di quelli che marciano nella direzione che è stata loro indicata.

Aceto di mele: effetto su glicemia e peso


I Babilonesi (5000 a.C.) sono stati i primi ad utilizzare l’aceto. Lo ricavavano da un fermentato alcolico a base di datteri, che veniva bevuto come oggi si beve il vino. Da allora, l’aceto è stato usato come alimento, conservante alimentare, antisettico e detergente casalingo. Ippocrate lo impiegava nelle malattie respiratorie, soprattutto combinato con il miele, ma anche per la disinfezione delle ferite, nelle infiammazioni e per i disturbi ginecologici.

Per quanto riguarda l’aceto di mele, diversi studi hanno mostrato che è in grado di migliorare i livelli di glicemia e il peso corporeo. Secondo i ricercatori, l’azione ipoglicemizzante potrebbe essere di grande aiuto nel diabete di tipo II. Vediamo i dati:

IL PARADOSSO DELL'UGUAGLIANZA GENDER - H. Eia

Harald Eia è un comico noto in Norvegia per i suoi monologhi satirici televisivi, e per la sua laurea in Scienze Sociali. Quando la televisione pubblica norvegese - svolgendo le proprie funzioni di servizio sociale - gli commissionò una serie di documentari sulle ideologie 'progressiste' nacque il programma Hjernevask (Lavaggio del Cervello). Il primo episodio di Hjernevask funse da vero e proprio requiem per l'ideologia 'gender' nei paesi nordici. 

E' una storia che merita di essere raccontata, dato che sembra essere sfuggita ai segugi dei nostri media mainstream.

Da tempo l'autore covava una forte perplessità sull'accanimento con cui una certa classe di politici e tecnici sociali si adoperava per rimuovere ciò che definivano 'stereotipi di genere.' L'ideologia gender era istituzionalmente rappresentata dal Nordic Gender Insistute (NKK) fiore all'occhiello della dottrina pseudoscientifica finalizzata a dimostrare la fondatezza della 'teoria gender' per le politiche sociali ed educative, e che fin dal 1970 aveva reso i paesi nordici le culture più 'all'avanguardia' nell'attenzione verso la 'parità tra generi sessuali.'

Ron Paul: psicofarmaci colpevoli per le sparatorie di massa


Ron Paul, ex senatore USA e padre di Rand Paul (il candidato liberale alla Casa Bianca, opposto sia a Obama sia a Romney), e noto in America per le sue battaglie in difesa dei diritti umani, ha dichiarato che Chris Kyle - il soldato americano ucciso a sangue freddo da un suo commilitone - sarebbe vivo oggi, se il suo assassino non avesse usato droghe psicotrope.

Paul ha ripetutamente collegato o incolpato l'uso di psicofarmaci in relazione alle frequenti sparatorie di massa che avvengono negli Stati Uniti.
"Se Eddie Ray Routh non avesse mai prestato il servizio militare, non avrebbe probabilmente ucciso nessuno" ha scritto Paul sul sito web del suo "Istituto di Pace e Prosperità" e sulla sua pagina Facebook. "Non starebbe scontando un ergastolo, e la sua vittima, Chris Kyle, sarebbe ancora vivo. Gran parte della colpa ricade sulla nostra politica estera d'interventismo, e sulla dipendenza dei Veterani dagli psicofarmaci che assumono per trattare il senso di colpa associato alle guerre preventive."

ALTRO CHE "INFRASTRUCTURE BANK?"- BECCATEVI QUESTI MISSILI ICBM"

 
Con gli alleati che migrano in massa verso la nuova infrastructure bank cinese (e anche gli USA devono ammettere che 'potrà servire molto'), sembra proprio che l' America stia perdendo tutti gli appigli che ha sempre avuto in passato, quindi per assicurarsi che il più grande creditore del mondo, possa continuare all'infinito a restare la più grande riserva valutaria del mondo - fa tintinnare i sonagli nucleari della sua coda ....  Come

La Nato prepara il più grande rafforzamento della difesa dalla fine della guerra fredda

© flickr.com/ 7armyjmtc

Il Segretario Generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha partecipato, all’interno del Forum di Bruxelles, ad un panel internazionale dal titolo "Zero-Sum? Russia, Power Politics, and the post-Cold War Era".

Tra i relatori anche l'Alto Rappresentante dell'UE per la politica estera, Federica Mogherini, Victoria Nuland, assistente segretario di stato USA per gli affari europei ed euroasiatici e Konstantin Kosachev, presidente del Comitato del Consiglio della Federazione Russa per gli affari internazionali. L'incontro è stato moderato da David Ignatius, editore associato del Washington Post.

Realizzato per la decima edizione dal German Marshall Fund degli Stati Uniti, organizzazione no profit che ha come obiettivo la cooperazione transatlantica sulle sfide e le opportunità regionali, nazionali, e internazionali nello spirito del Piano Marshall, il Forum di Bruxelles riunisce a cadenza annuale i leader politici, economici e intellettuali provenienti da Europa e Nord America per discutere le sfide fondamentali che l'area euro-atlantica si trova a fronteggiare nel prossimo futuro.

La guerra delle petrovalute

Us Dollar Versus China Yuan 

La segretaria di Stato Hillary Clinton, nel 2007 chiese all’ex-primo ministro australiano Kevin Rudd “come imporsi ai propri banchieri?”, preoccupata per i crescenti potere e presa della Cina sulle finanze USA, e secondo Wikileaks Rudd disse a Clinton di usare la forza come ultima risorsa. I cinesi si fidano degli USA? Da superpotenze, sono diffidenti. Per gli USA è sempre stata questione di affari, non di amicizia o interesse altrui, ma dei propri. Ciò è comprensibile. Sull’arroganza statunitense, una volta lessi da qualche parte che tale arroganza era piovuta dall’eroe greco di qualche tragedia classica. Entriamo in una nuova epoca, quella della guerra valutaria che metterà alla prova la forza dell’economia statunitense e del dollaro contro la forza dell’economia cinese e dello yuan. La corda nel tiro alla fune sarà il greggio. 

L’egemonia economica statunitense è contestata dalla Cina e di conseguenza è naturale che gli Stati Uniti cerchino di mantenere la loro posizione geopolitica e finanziaria globale. Tra tali giganti, il sistema finanziario globale potrebbe essere completamente ridefinito con una guerra devastante in Medio Oriente. Qualche anno fa lessi il libro “Petrodollar Warfare” di William Clark, pubblicato nel 2005, quando l’euro era una moneta in crescita e lo yuan un sogno lontano. Clark scrisse che la logica dell’intervento (in Iraq) non era solo il controllo dei giacimenti petroliferi, ma anche dei mezzi con cui il petrolio viene scambiato sui mercati mondiali. Sadam fu deposto dagli Stati Uniti e dai loro alleati arabi (che avevano i dollari come valuta di riserva) perché si rifiutava di vendere petrolio in dollari USA. 

In nome di...

Il "gruppo pastore" e la sua ombra.
In nome di Dio…
In nome di Sua Maestà…
In nome dell'11 settembre 2001…
In nome della lotta al terrorismo…
In nome della libertà…
In nome della democrazia…
"In nome di chi/cosa"... si è fatto (è stato fatto) tutto ciò che si è fatto (è stato fatto)? Ossia, che hai dovuto subire, partecipando senza alternativa, attraverso la scelta tra “questo o quello” o, al peggio, per tacito consenso/ignoranza...
Chi/cosa “alita sul fuoco”?
Chi/cosa ha acceso la scintilla?
La “scintilla” è per(messa) dalla “legge” (la Fisica degli elementi).
La scintilla è (pre)vista a livello di (ri)programmazione della fondamenta dello scenario reale (ri)emerso.
La scintilla è un effetto derivante dalla causa, che è “la legge” (sottostante all’intento originale):
il circuito secondario del Nucleo Primo (l’avvolgimento del/sul primario: qualcosa che rende sufficientemente bene l’idea del “serpente bibilico”, alias… il principio primo della “tentazione”. La compresenza corruttrice che dall’alba dei “nuovi tempi” ha eretto il proprio temp-li-o “qua, così”).